Hacking Ikea’s Erikslund (vita, morte e miracoli mai avvenuti)

L’accessibilità di Ikea si bilancia solamente con gli stampini con cui poi paiono fatte le nostre case.

Ho quindi pensato di sfruttare la stessa stoffa usata per la testata del letto per ritoccare il quadro con stampe di Ikea modello Erikslund che avevo comprato piena di belle speranze e invece riposto in garage senza trovare il mood adatto per sfruttarlo. Il pannello di legno scelto infatti (qui a lato) rigorosamente DIY, ha un’imbottitura di stoffa semi plastificata, quella per intenderci, delle tovaglie proteggi-tavolo. L’ho voluta apposta per una questione pratica: la facilità con cui si può pulire l’alone lasciato dalla testa senza dover smontare tutto ogni volta (infatti si pulisce -letteralmente- con un semplicissimo colpo di spugna!).

Il quadro inizialmente conteneva si delle belle fotografie, per carità.. ma molto asettiche e comunque non adatte all’ambiente caldo e accogliente di una casa quanto più ad uno studio dentistico a basso costo. Probabilmente ad una casa svedese.
Il lavoro principale è stato aprire la cornice, ben pressata industrialmente con graffette che mi hanno fatta davvero tribolare, mentre all’interno ho potuto notare quanto scarsa e mal fatta fosse la manodopera… ma poco male, in fondo non si vede giusto? (Benchè i 10€ li abbiano chiesti tutti). Ho proseguito ritagliando la stoffa avanzata dalla testiera ricalcandone i disegni per dare anima e rilievo; aiutata da brillantini per i boccioli e colla a caldo ecco il risultato in dettaglio (foto a destra). Le foto, per cantarmela e suonarmela fino in fondo, vi assicuro non rendono affatto giustizia all’effetto finale! Volevo sbrigarmi e non sono stata a perderci tempo come fanno i bravi blogger. Il tutto rimane delicato e luminoso -non lucido- e per un po è andato davvero tutto bene.

Update: Dopo diverso tempo però anche questa soluzione mi ha stancata. Mi sembrava di essere passata dallo studio medico, all’albergo due stelle col coordinato divano-letto. Perchè ho comprato questo stupido quadro ancora me lo chiedo. Cosa ci avrò visto mai la prima volta..mah! In ogni caso ho già qualche idea in mente, vedremo cosa l’estate porterà.

Nuovo update:  Il quadro, rismontato per una nuova veste, era destinato a diventare una cornice dorata ma si è irrimediabilmente rovinato per un mio errore ed ho quindi deciso di disfarmene. Sono certa che la soluzione della cornice dorata sarebbe stata in assoluto la scelta migliore e definitiva ma non lo sapremo mai…
Qui infatti finisce la storia del quadro di Ikea modello Erikslund: amato solo i primi 5 minuti e passato, per gli anni a venire, cercandogli una collocazione e una sistemazione, in una serie di tormenti inenarrabili. I miei.
Taluni dicono che nel mio sguardo ci fosse una strana luce quando si ruppe.
Altri non osano aggiungere nulla dopo aver visto quanto rapidamente finì nel secchio.
Io dico che il problema non è più il mio!

4 commenti

  1. cla said,

    19/04/2015 a 9:56 AM

    Ciao.come hai fatto ad aprire eriklund?
    Una volta aperto è possibile richiuderlo?

    Grazie
    Ciao

    Mi piace

    • FogliaViola said,

      19/04/2015 a 11:54 AM

      Ciao,
      è stato molto complicato: ci sono delle graffette ad aria compressa che tengono il compensato quindi serve tanta pazienza con cacciavite (per sollevarle un pochino senza scalfire troppo) e pinzetta (per estrapolare).
      Io l’ho chiuso in modo non permanente fissandolo con del nastro tanto dietro non si vede ;) ma suppongo si potrebbe usando fascette ad “L” ..non so dirti però la durata perchè il materiale è scadente.

      Io comunque ho fatto bene perchè non soddisfatta, proprio recentemente l’ho riaperto cambiando le foto e dipingendolo d’oro.. purtroppo però:

      1) benchè di carta il nastro usato per non far sporcare il vetro di vernice ha irrimediabilmente portato via il satinato (non usarlo)!
      2) mentre ci lavoravo è avvenuto un incidente col vetro e l’ho dovuto buttare dopo tanta tribolazione.

      Posso dirti che sono felicissima di essermene sbarazzata?
      E diciamolo.

      Mi piace

  2. Liuk said,

    15/07/2015 a 1:39 PM

    Ciao! Domanda:
    E’ possibile grattare il vetro per far sì che il satinato vada via? Vorrei tanto che il vetro fosse solo trasparente, senza divisioni.

    Ho bisogno di mettere una mia foto nella cornice e magari mantenere il vetro originale!

    Grazie!

    Mi piace

    • FogliaViola said,

      20/07/2015 a 4:29 PM

      Ciao Liuk,
      con il nastro di carta a me il satinato l’ha portato via..
      ma non saprei dirti se facendolo appositamente ti verrebbe via tutto il residuo oppure no.
      Se, insomma, verrebbe un lavoro fatto male.
      Esistono prodotti appositi per satinare ma il contrario non saprei, prova a cercare tra gli abrasivi.

      Mi piace


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: