Coppe di kiwi, crema e frutti di bosco

Anche quest’anno abbiamo a disposizione, grazie alla sola terra, tanti kiwi biologici… e dopo aver sperimentato varie ricette come panini con formaggio kiwi e sottilissimi fogli di cipolla, cocktail, frullati, crostate, carne e salsine varie, ho deciso di farne un semplice dolce al bicchiere: si tratta infatti di semplicissimi kiwi alla crema (d’altronde la crema è regina con la frutta fresca!) e per farli serve:

-kiwi
-frutti di bosco
-4 tuorli
-100gr zucchero
-30gr farina
-1/2 lt latte
-vaniglia o scorza di limone

Si prepara la crema lavorando i tuorli con zucchero e farina e mettendo il composto in una casseruola. Va quindi aggiunto il latte a filo e il baccello di vaniglia (o le scorzette di limone secondo preferenza) girando per circa 5′ e comunque finchè non s’addensa un poco, senza creare grumi. Freddata la crema vanno riempite le coppe a strati alternando questa ai kiwi. Sull’ultimo strato spargere una manciata di frutti di bosco.

Volendo si possono aggiungere scaglie di cioccolato, cannella o foglie di menta a seconda della stagione. Io avevo i mirtilli rossi. Semplice e veloce senza troppi pensieri, si mantiene in frigo prima di servire.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Tre ricette con le visciole

11014637_844568205598766_5258499844324213378_nNon era mica finita lì (o meglio, qui)! Neppure dopo la marmellata gli stormi sono arrivati… e così ho fatto un altra capatina sull’albero e la casa è diventata tutta un visciolame! Mi scoccia da morire infatti far marcire la frutta sugli alberi e a costo di riempire la dispensa è obbligatorio usarla, quindi ecco altre tre idee:

  1. Visciole sciroppate 
  2. Crostata 
  3. Base per il liquore Ratafià (versione Abruzzese).

Per le visciole sciroppate -utilissime per decorare le torte o da usare sul gelato o nelle macedonie estive) basta lavarle, snocciolarle e tenerle 24h in un pentolino ricoperte con dello zucchero di canna; dopodichè tirare fuori i frutti e mettere a cuocere soltanto il composto formatosi come fosse una normale marmellata (aggiungendoci dello zucchero qb se necessario). Quando si è rappresa a sufficienza vanno re-inserite le visciole e, facendo attenzione che non si rompano, mescolare per 5 minuti. Infine riempire il vasetto sterilizzato e creare il sotto vuoto.

La marmellata della torta in foto era quella di susine dell’anno scorso (dovevo liberare i vasetti per preparami a quella di quest’anno) ma ovviamente la ricetta per la crostata è la solita: basta solo cambiare il gusto della copertura!

Infine c’è la grande boccia di visciole in quarantena per preparare quella che sarà la Ratafià. Qui le ricette sono molte e diverse perchè dipende dalle zone e dall’uso tramandato. Alcune aggiungono il vino all’inizio, altre come la mia, alla fine. Per ora sono nella fase dei 40gg di riposo al sole scuotendo ogni tanto. Aggiornerò il post con la ricetta alla conclusione =)

Marmellata di Visciole

bbbbQuest’anno la grandine ci ha risparmiato ma l’hanno fatto anche gli uccelli: erano giorni che guardavamo l’albero chiedendoci quale mattina saremmo giunti trovandolo spoglio. E invece non è accaduto. Così di buona lena abbiamo raccolto un bel cesto di visciole ed è scattata subito l’agognata confettura.
A discapito delle varie ricette che pretendono un chilo di zucchero per uno di frutta ho usato dosi meno imponenti ma limone compreso, è venuta ugualmente dolce per i miei gusti. Pazienza. D’altronde di meno sarebbe stato davvero troppo poco ma sopratutto la sola idea di aver terminato di snocciolarne un chilo sarà sufficiente a priori per tenermi soddisfatta a lungo! Ho infatti acquisito una manualità invidiabile e brevemente divisibile in

  1. tira il picciolo se è dura
  2. spremi da dietro se morbida

una pratica così vicina allo zen che mi ha tolto solo un ora di vita per snocciolarle tutte. Figuriamoci a non conoscerla….

Piuttosto permettetemi di lasciarvi un paio di consigli illuminati: non credete a chi vi dice che per fare prima si può usare lo snocciolatore per olive, perchè con i secondi perduti ad inserirne una e pulire per l’altra avrete già snocciolato cinque visciole a mano! Basta solo tecnica ed organizzazione (tipo i contenitori “a portata di mano”: uno per le visciole snocciolate, uno per gettare i piccioli e quello da dove prenderle, a seconda siate destri o mancini organizzatevele a giusta distanza e via di polso). E non badate neppure a quelle ricette che vi suggeriscono di comprarle belle dure e senza alcun difetto.. evidentemente non conoscono il gusto della visciola spontanea prescelta dagli animali (che la sanno molto più lunga di noi bestiole da aaaasupermercato). Perciò bando alla pigrizia cosmopolita e giù di lavoro di manuale.. il gusto della marmellata fatta in casa non si può comprare in nessun negozio, neanche bio =)

Dosi: 1kg di visciole, 400gr di zucchero, 1 limone piccolo
Procedimento: lavare, asciugare e snocciolare le visciole. Metterle in una casseruola capiente e versare zucchero e limone mescolando spesso e rimanendo a fuoco basso -per minimo un ora- fino a cottura.
Quando la marmellata sarà pronta e i vasetti asciutti e ancora caldi, versatecela dentro lasciando un centimetro dal bordo -che dovrà rimanere ben pulito- poi avvitate e capovolgeteli. Copriteli e lasciateli freddare per qualche ora per far creare il sottovuoto.

NB.
La densità va a piacere, in caso fate la classica prova del cucchiaino.
Per la sterilizzazione vale la solita procedura: fate bollire i vasetti per una buona mezz’ora in mezzo a fogli di giornale o ad un canovaccio bianco, in abbondante acqua -fino a coprirli- e negli ultimi minuti aggiungete i tappi. Lasciateli scolare e asciugare. Prima di mettere via i vasetti segnateci la data di creazione: vanno consumati non più tardi di 6/8 mesi, inoltre controllate che il sottovuoto sia venuto bene.